Monthly Archives: marzo 2017

Avatar Series – Preview Game

Ubisoft sta ancora una volta collaborando con Lightstorm Entertainment e Fox Interactive per creare un videogioco basato sul film di James Cameron, Avatar “2”.
Il gioco deve ancora essere confermato, ma considerando la mancanza di “entusiasmo” che il titolo ha ricevuto, questa nuova avventurà si distaccherà, a mio parere, dal precedente.
Lo sviluppo è affidato Studio Massive Entertainment, che sarà l’unico attore incaricato per lo sviluppo del codice. Quindi per ora, almeno, si può stare certi che il progetto è in mani buone e di talento.
Forse più interessante è il fatto che la comunicazione segue l’annuncio del film, Avatar 2, che ha finalmente pianificato una data per iniziare le riprese. L’idea è quella di far uscire il gioco in corrispondenza dell’uscita del film.

Indiscrezioni dicono che Cameron ha dichiarato “Massive sono i “partner giusti per portare la bellezza e il pericolo di Pandora in un gioco”, aggiungendo che è stato colpito dalla “passione” dello sviluppatore per il progetto,
In effetti, nel combinare i bellissimi ambienti di Pandora e il talento di Massive per lo sviluppo di mondi aperti, questo potrebbe rivelarsi un matrimonio perfetto.

Ora ci tocca aspettare le presentazioni del gioco. Per ora, però, ci sta incuriosendo.

Playstation 5 – Rumors

Dopo il successo di Playstation 4 Pro, che vendendo più di Xbox One rispetto al lancio tra cui Playstation 4 Slim e Playstation VR, “alcune” voci parlano dell’uscita di un Playstation 5 che potrebbe essere rilasciato sul mercato a metà o alla fine 2018. Secondo Damian Thong, Macquarie Research Analyst ha dichiarato che la Playstation 5 sarà una console ancora più potente con una GPU 10 TFLOPlaystation . Thong ha detto anche che il profitto in crescita, questo grazie al numero sempre più elevato di console vendute, ha permesso a Sony di aumentare gli investimenti nel settore console, dando la possibilità a gli ingegneri di creare una console sempre più potente. Per l’analista finanziario, Michael Pachter di Wedbush Morgan, i consumatori dovrebbero aspettarsi il rilascio di Playstation 5 tra il 2019 e il 2020. Dice che il rilascio di una vera e propria console “nuova”, non come l’evoluzione di Playstation 4 con Playstation 4 pro o di Microsofot con Xbox one e il progetto Scorpio, non avverrà prima del 2019. Quindi per i fan della console sony c’è ancora da aspettare.

ps5

Secondo alcune indiscrezioni, ci saranno due versioni, una delle quali sarà rilasciata con un visore VR. Questo è altamente probabile visto il successo della Playstation 4 VR. Ma sul rilascio ci sono ancora informazioni fumose. PlayStation 4 è stata lanciata quattro anni fa (più o meno lo stesso trascorso per il rilascio Playstation 4 dopo l’era Playstation 3), quindi i tempi medi di sviluppo tra la realizzazione di una console e la successiva sono in linea con quanto fatto negli anni scorsi da Sony.
Le vendite del Playstation 4 in Giappone erano alte con 4,5 milioni di unità vendute e con circa 200.000 in versione Pro. Inoltre, a livello mondiale, oltre 53,4 milioni di unità sono state vendute.

Quindi per gli amanti della Playstation c’è ancora da aspettare… (per ora godiamoci la Playstation 4 Pro…)

Avengers Project – Trailer preview

Per tutti gli amanti dei super eroi della Marvel, in arrivo Avangers Project, per ora non ne sappiamo molto a parte che sarà realizzato dalla Crystal Dynamics, sviluppatori di lunga data del premiatissimo Tomb Raider (Tutta la serieee….!!!), in collaborazione con gli sviluppatori della Eidos Montreal. Il gioco sarà progettato con la possibilità di giocare con tutti i personaggi e sarà caratterizzata da una storia molto originale. Per ora aspettiamo novità e ci gustiamo il preview del trailer.

La terra di mezzo – L’Ombra della Guerra

L’Ombra della Guerra è il sequel della “Terra di Mezzo: Shadow of Mordor” è stato finalmente svelato, dopo mesi di speculazioni e attesa. Monolith e Warner Bros. Interactive Entertainment hanno rilasciato 16 minuti di gioco (video collegato all’articolo)l’ambientazione è simila alle versioni precedenti “tanto buio e paura” tutto immerso in un mondo epico. L’Ombra della Guerra è volta a sviluppare il combattimento brillante visto nelle precedenti versioni, un’avventura open-world dove ci si imbatte in creature più fantastiche.

In questa nuova avventura un nuovo anello del potere in grado di controllare migliaia e migliaia di orchi feroci. Molti altri personaggi visti nella precedente avventura (Shadow of Mordor). Con il nuovo e migliorato sistema di Nemesi, potrai dominare tutti i tipi di orchi, troll e bestie, proprio come in Shadow of Mordor. Ci troveremo anche di fronte a un nuovo tipo di nemico, Olog-hai, che sono dei troll più intelligenti e più furbi, e molto più grandi di quanto gli orchi e gli Uruk-hai possano essere.

423cc90b27057609405754756f6981c2f-81b98588b88d35567ddf523ea2af3e738

All’inizio il gioco si svolge all’esterno della terra di Mordor ci sono molte più interazioni con il mondo degli uomini. De Plater, vice presidente del settore creativo di Monolith Productions ha dichiarato “La costruzione del proprio esercito l’allestimento della fortezza e il reclutamento dei propri seguaci, ha una complessità maggiore rispetto alle versioni precedenti”.

“Abbiamo davvero lavorato duro per arrivare a questo. Il primo atto del gioco si svolge in Minas Ithil, grande città di Gondor, e quindi c’è già veniva mostrata tutta la supremazia degli uomini.”
Questo permette di vedere un interazione tra le diverse “città”, rendendo il gioco più completo e la storia più avvincente.

5scrmax1

Una delle grandi domande che avevo subito dopo aver visto il trailer come la guerra tra Talion e presumibilmente Sauron, il Re Stregone, il Nazgul e tutti i loro alleati malvagi si leghino alla storia, se questa serie si svolge negli anni tra lo Hobbit e il Signore degli Anelli. Fortunatamente sembra che Monolith lavorando sul serio,si sarà in grado di vedere alcune delle cose nel Signore degli Anelli in maniera nuova – in particolare il Nazgul, o il fiammeggiante Occhio di Sauron, o di Minas Morgul. De Plater continua dicendo “Vogliamo davvero connettere la storia al Signore degli Anelli”.

balrog-ombra-della-guerra-1280x720

L’ombra di Mordor era open-world, veniva dato un obiettivo e di conseguenza una direzione da seguire. In L’Ombra della Guerra c’è più margine di personalizzazione, una volta che si attraversa il Cancello Nero, si possono affrontare ogni “regione” in ordine preferiamo. Fare missioni secondarie o concentrarsi sulla costruizione del proprio esercito.

  • Uscita prevista: 25 agosto 2017
  • Piattaforme: PS4, Xbox One, Scorpione, PC
  • Developer : Monolith
  • Editore : Warner Bros Interactive Entertainment

Verrà rilasciata anche una versione migliorata per xbox scorpio.

10 Best Games – Anno 2017

Abbiamo creato una classifica, secondo i nostri gusti, dei migliori 10 giochi in uscita nel 2017, molti sono già disponibili e dopo la prova fatta, siamo sempre più convinti che alcuni dei titoli sono veramente “fantastici”. La maggiore cura dei dettagli le migliorie apportate alla giocabilità, le storie sempre più coinvolgenti e articolate, portano noi player non solo a giocare a un semplice video game, ma a immergerci totalmente in avventure fantastiche e proiettandoci in mondi fantastici e misteriosi (avv.te anche spaventosi…)

Ecco il video (e proviamo ad arrivare a 1000 “mi piace”):

Buona Visione

Days Of War – Game Player

Days of War, sviluppato da DrivenArts, è un tema WW2, sparatutto in prima persona, con caratteristiche non troppo dissimili da altri titoli. Gli sviluppatori hanno dichiarato che “il nostro team è composta da una squadra di giocatori, e creiamo solo giochi che a cui vogliamo giocare”, questo è un inizio promettente per un titolo che promette tanto.

Il gioco si svolge in un periodo storico di una certa importanza e per questo è chiaro che gli sviluppatori hanno avuto grande cura nel estetica delle mappe, le armi ed i suoni. Il gioco soddisfa tutte quelle aspettative che ci aspetta da un titolo di questo genere. I soldati caricano in battaglia, 32 server giocatore per essere precisi, 16 per squadra cercando di conquistare e dominare ogni sezione della mappa.

Non si tratta di uno sparatutto “run and fire”, non si tratta di COD o Doom, questo è Days of War, se ci si trova nella zona sbaglia o si hanno cali di concentrazione, la sicurezza di morire è del 100%.

days-of-war-gameplay1280-1481093270565_1280w

Il gioco ti permette di scegliere a seconda di quale fazione, tedesco o americano, un certo numero di classi disponibili. Cecchino, fuciliere, supporto o esplosivi; ciascuno con le proprie specialità e debolezze, ma “l’unione fa la forza”, ed è per questo che la squadra al completo diventa veramente “pericolosa” ed efficacie.
Modalità di gioco come dominio mette a confronto due squadre di 16 giocatori, con 5 punti da “dominare”.Una modalità di gioco comune e spesso vista in titoli come Battlefield, e posso confermare che Days of War lo fa molto bene.

days_of_war_early_access_screen_1

Non è un gioco molto semplice dal punto di vista tattico, come può essere un CoD, la mimica del gioco si avvicina molto a quella di un Rainbow Six, ad esempio prima di muoversi da una posizione si deve fare molta attenzione alle zone che ci circondano, morire è semplice e rapido. Quindi conta molto il gioco di squadra, che è la chiave di questo gioco, l’apprendimento delle mappe, giocare con il proprio gruppo di amici o Clan. Se sei un “pistolero solitario”, senza avere qualcuno che ti copre le spalle, allora la parola “Sei stato ucciso” la sentirai molte volte.

Le mappe sono state studiate bene, molti punti dove accovacciarsi e osservare le zone circostanti, punti nei quali si può avanzare e avere una copertura costate (non in tutti gli angoli, ed è qui che il gioco di squadra diventa indispensabile), i fun di Insurrection potranno trovare molto di quanto già conoscono nel mod di gioco.

Days-Of-War-PS3

E ‘chiaro, tuttavia, che gli sviluppatori hanno curato con l’aspetto delle mappe troppo, che sono ispirate ad ambientazioni storiche reali, come si legge sul sito ufficiale del gioco, “Le mappe sono ispirati da ambientazioni storiche WW2”. I giocatori possono combattere sulle spiagge di Omaha, come parte dell’invasione del D-Day, altre mappe com Carentan e Thunder. Questi luoghi simbolo traggono ispirazione da Salvate il soldato Ryan, la Band of Brothers serie TV e altre ispirate al mondo reale. Altre mappe saranno aggiunti nei prossimi mesi, come una città “calda e soleggiata del Italia del Sud”.

Ci sono sempre miglioramenti da apportare ma gli sviluppatori hanno promesso che il titolo sarà personalizzabile da parte della comunity, server personali un editor di mappe e tanto altro. Gli sviluppatori vogliono che questo titolo sia il più personalizzabile possibile e che la comunity possa esprimere sentirsi parte di un progetto importante.

La data di uscita prevista: fine 2017

Volanti da Corsa (con force feedback) – Costi e Prestazioni

Se si desidera vivere un esperienza di guida unica si deve mettere le “mani” su un vero e proprio volante. La grande domanda. Qual è il miglior volante da acquistare questo anno?

Beh, alla fine dipende tutto dal budget, si parte da una spesa di 70/80 € a volanti che possono richiedere migliaia di euro per avere una postazione che rasenta la simulazione pura.Volanti che non hanno force feedback (un motorino all’interno del volante permette di simulare la forza G che solitamente si ha quando si guida una vera e proria auto. Pedaliera con o senza frizione, possibilità di customizzare una serie di comandi integrati direttamente nel volanta (attivazione trazione si\no…ecc ecc).

Ecco i migliori volanti da corsa su PS4, Xbox One e PC:

Fanatec Club Sport

Il Fanatec Club Sport è l’opzione premium in questo confronto, è più costoso il più realistico il più espandibile e il top per chi vuole creare una postazione di guida nella propria casa di livelli superiori. Per me, questo è davvero il miglior volante per XboxOne.
Se si confronta Logitech G920 e Fanatec Club Sport Wheel Base V2 force feedback, la differenza è spaventosa. Se Logitech o Thrustmaster ti fa pensare: “Se, un volante in movimento può lussare il proprio dito”, qui diventa “rompere il dito”. Seriamente un avvertenza è tenere i bambini dai 0-14 anni lontati da questo strumento.

  • Compatibile con: Xbox One
  • Tipo di collegamento: USB
  • Peso: (regolabile)
  • Force Feedback: Si
  • Rumble:
  • Angolo di rotazione massima: 900 gradi
  • Pedali inclusi: Si
  • Pedale della frizione: Si
  • Espandibile: Sì

Prezzo: € 1.389,80

Il Fanatec Club Sport Pedali V3 è l’unico in questa prova dotato di una cella di carico e un freno idraulico, così come una vera automobile. E’ completamente fatto di metallo, niente plastica (tranne cavi).

fanvolante

E’ totalmente espandibile, si può evolvere il settaggio ne gli anni, acquistare nuovi pezzi di ricambio o espansioni che permetto di avere un realismo a dir poco unico.

fanpng


Thrustmaster T300 RS

Ottimo rapporto qualità prezzo.

  • Compatibile con: PS4 / PS3 / PC
  • Tipo di collegamento: USB
  • Peso: 3kg
  • Force Feedback: Si
  • Rumble:
  • Angolo di rotazione massima: 1080 gradi
  • Pedali inclusi: Si
  • Pedale della frizione: No
  • Espandibile: Sì

Prezzo: € 249.99

Ha un incredibile ritorno di forza reattiva. E’ uno dei migliori volanti da corsa per gioco da corse. Incorpora force feedback di alta qualità in modo potente, colpendo un muro con l’angolazione sbagliato si sente il reale urto, andando a sollecitare le mani rendendo la guida sempre a un passo dal realismo totale. Vi è un aspetto negativo, inerente al surriscaldamento del motore che porta a sentire un odore di bruciato e metallo.
Con giochi come Assetto Corsa, F1 201X o Project Cars, si può veramente sentire la sensazione di aderenza grazie alla guida motorizzata, la velocità di risposta è eccezionale. E’ preciso, pesante e con un realismo fantastico.

primo

L’unico vero problema è che il freno a mano è inevitabilmente associato a un tasto che si attiva con un pollice, con giochi di rally è poco pratico. È possibile acquistare un controller che permette di avere un freno a mano da utilizzare nella maniera classica, e cioè con una leva.


Thrustmaster TX Racing Wheel: Edizione in pelle

Grande-Feelin ‘wheelin’ per la vostra Xbox One!!!

  • Compatibile con: Xbox One / PC /PS4
  • Tipo di collegamento: USB
  • Peso: 9kg
  • Force Feedback: Si
  • Rumble:
  • Angolo di rotazione massima: 900 gradi
  • Pedali inclusi: Si
  • Pedale della frizione: si
  • Espandibile: Sì

Prezzo: € 172,89

Questa è la versione di Xbox one equivalente al T300 RS ed è altrettanto impressionante quando si tratta di qualità del controllo e feedback. Questo bundle costa di più rispetto alla versione standard della RX.

secondo

Si tratta di un volante di altissima qualità. La nostra unica critica sarebbero le cuciture in pelle che riveste l’interno del volante.
La pedaliera è superba, con full-size, pedali pesanti che si sentono veramente bene sotto i piedi e permettono il controllo perfetto di accelerazione e frenata.


Logitech G29 Driving Force Racing Wheel

Signori e signori uno dei migliori volanti PS4 e con una proporzione qualità prezzo interessantissima

  • Compatibile con: Xbox One / PC / PS4
  • Tipo di collegamento: USB
  • Peso: 8kg
  • Force Feedback: Si
  • Rumble:
  • Angolo di rotazione massima: 900 gradi
  • Pedali inclusi: Si
  • Pedale della frizione: si
  • Espandibile: Sì

Prezzo: € 199,99

Progettato per funzionare con PS4 in best mode, ma compatibile con le varie console e pc.
Un ottimo volante dalla Logitech, il G29 sostituisce il G27 incredibilmente popolare nel mondo PlayStation. L’unità è stata progettata specificamente per PlayStation 4, è equivalente al G920 per Xbox, vale a dire una ghiera cliccabile per regolare il freno, e pulsanti positivi/negativi per la regolazione di controllo della trazione (o quello che viene mappato ).

Terzo

Un’altra novità sono i LED colorati nella parte superiore della ghiera, che si accendono per indicare quando è il momento di cambiare marcia. I pedali sono reattivi e il pedale del freno è non lineare, dando una sensazione di frenata più realistico di una pedaliere più economici.


Logitech G920 Driving Force

Questa versione di volante permette di vivere un esperienza di gioco realistica, simile al fratellino G92, ma non compatibile con PS4 ma solo Xbox one e PC

  • Compatibile con: Xbox One / PC
  • Tipo di collegamento: USB
  • Peso: 7.21kg
  • Force Feedback: Si
  • Rumble:
  • Angolo di rotazione massima: 1080 gradi
  • Pedali inclusi: Si
  • Pedale della frizione: Si
  • Espandibile: Sì

Prezzo: € 233,82

Un azione di sterzo Meravigliosamente lineare un controllo Force Feedback il pedale del freno può essere troppo rigido per alcuni gusti di giochi. Ergonomico (ma tenete conto che ogni volante, dopo varie ore di gioco porta ad avere un dolore alle mani) e piacevolmente Slim, pur dando una buona sensazione di solido.

quarto

Ha lo stesso problema inerente al freno a mano, riscontrato nel Thrustmaster. L’unità che abbiamo provato è dotato di un pedale del freno insolitamente rigido, che richiede un enorme pressioni per ottenere una buona frenata (Il mio amico oFm Happy ne sa qualosa… 🙂 ). Problema noto, che non si presenta per la versione G29 per PS4. Grazie al utilizzando di una postazione con sedile permette di migliorare tale “problemino” di frenata.

Freni a parte, si tratta di un volante force feedback esemplare e che permette di vivere un esperienza di guida con qualsiasi gioco.
Meglio per se si utilizza con Xbox One


Feedback Wheel corsa Thrustmaster TMX Forza

Un volante che ha tutte le caratteristiche di un podotto di fascia molto alta con un prezzo abbordabile

  • Compatibile con: Xbox One / PC
  • Tipo di collegamento: USB
  • Peso: 0.998kg
  • Force Feedback: Si
  • Rumble:
  • Angolo di rotazione massima: 900 gradi
  • Pedali inclusi: Si
  • Pedale della frizione: No
  • Espandibile: Sì

Prezzo: € 149,85

Non ha un feedback molto forte come la base di TX, senza alcun dubbio la forza di feedback fa una grande differenza per un gioco di corse, avere la sesazione delle gomme che ruotano sotto le mani, aumenta il realismo. Thrustmaster ha creato un prodotto nel complesso molto buono, con una qualità eccellente anche trattandosi di un prodotto di media fascia.I pedali sono inclusi, ma in plastica e offrono poca resistenza, non includono il pedale della frizione.

quinto

Il Force Feedback non è forte come altri prodotti, ma funziona. Se si ha un budget limitato, questo prodotto fornisce una vera e propria soluzione

The Legend of Zelda: Breath of the Wild

Breath of the Wild Fin dall’inizio, il vasto paesaggio di Hyrule è completamente visibile davanti ai tuoi occhi, e ci porta ad avere sempre curiosità di osservare ed esplorare. All’interno del gioco troviamo una serie di punti da esplorare e enigmi da risolvere, anche giocando per ore si è sempre sicuri che dietro un punto possa nascondersi ancora un avventura da scoprire. Un avventura che porterà via a gli appassionati tantissimo tempo con un immersione totale nel gioco.

La selvaggia, post-apocalittico, techno-fantasy terra di Hyrule è il personaggio principale di Breath of the Wild. Non solo è grande, bello, e un insieme diversificato di campi erbosi a scoscese montagne alpine, ma segue regole sorprendentemente realistici che consentono di tirare fuori soluzioni così intuitive che potreste essere sorpresi. La gestione dell’IA dei personaggi, e il gioco di ombre dei paesaggio e tutto quello che compone il mega mondo del nuovo Zelda è qualcosa di veramente eccezionale,l’interazione con ogni oggetto a capire quanto e come il lavoro del team di sviluppo è stato infaticabile e certosino.

Ciò che sorprende e rende questo gioco, unico nel mondo degli open-word è la possibilità di avventurasi nei vari punti della mappe e trovare e scoprire nuovi segriti o affrontare nuove sfide per arrivare a destinazione, non ci sono lunghi spostamenti “noiosi”, ma c’è sempre qualcosa da scoprire durante il percorso.

the-legend-of-zelda

A differenza di un sacco di giochi di sopravvivenza, in cui ogni elemento utilizzato deve essere creato, alberi abbattuti e minerali scavati-up, Breath of the Wild concentra tutti i suoi sistemi di crafting in cucina. E ‘un sistema leggero e flessibile che offre un sacco di opportunità per la sperimentazione di diverse combinazioni di ingredienti per aiutarti a sopravvivere. Il cibo crudo e spuntini veloci-e-sporco cucinati da un incendio sarà ricostituire una piccola quantità di salute, ma i piatti più interessanti e Stat-amplificazione provengono da lanciare gli ingredienti in una pentola per fare un pasto abbondante. Ho passato molte ore per capire le migliori ricette utilizzando gli indizi noti nelle descrizioni degli ingredienti a venire con effetti come aumenta la resistenza e le resistenze elementali di varie potenze, e mi è piaciuto che ogni volta che ho avuto un po ‘portato via con le mie ricette I finito con un piatto censurato-out opportunamente chiamato incerto cibo che è evidentemente troppo disgustoso di guardare anche a. Fare pozioni di buff-impregnando è altrettanto flessibile, e troverete un sacco di bug e parti di mostri con cui mescolare una birra speciale.

the-legend-of-zelda-breath-of-the-wild-v1-485053

I veterani della serie di Zelda sentiranno Breath of the Wild più familiare, c’è, ad esempio, il sistema di lock-on pratica tradizionale che permette di fargirare l’avversario, così come la pressione dei pulsanti e dei movimenti del bastone per innescare colpi collaterali e balzi evasivi.
Le armi nel gioco sono distruttibili, il che significa che spesso si rompono durante la mischia. Questo aspetto è forse l’unica parte del gioco che si sente come un distacco dal passato; alcune armi si rompono molto più velocemente di quanto dovrebbero, e anche se passare a un’altra arma è un azione molto rapida, questo porta a rallentare e distrarre dal combattimento, andado cosi ad alterare l’immersione totale nel gioco.

Per fortuna ci sono moltissime armi da trovare in giro per Hyrule e si dispone di spazio nel inventario per trasportare un paio di pezzi di ricambio in ogni momento.
Si può anche contare su un arco per attacchi a distanza, ed è possibile utilizzare i comandi di movimento del switch per prendere la mira.

maxresdefault (1)

A mio avviso, The Legend of Zelda – Breath of the Wild è un masterclass nel design open-world e un gioco spartiacque che reinventa un modello di gioco che dura da 30 anni. Presenta una meravigliosa “scatola nera” che racchiude al suo interno tanto mistero. I player avranno tante avventure in Breath of the Wild, e ognuna di queste ha una storia unica dietro. E’ un avventura da vivere giorno dopo giorno, che promette un esperienza di gioco, unica.

Sniper Ghost Warrior 3

Facciamo un pò di chiarazza su cosa sta accadendo per Sniper Ghost Warrior 3, CI Game ha posticipo l’uscita al 25 Aprile 2017 (la precedente data era prevista per il 4 aprile).

Il Team ha deciso di posticipare in seguito ai riscontri che sono emersi dalla beta test, in modo da poter fissare, almeno per la prima relase, una serie di macro errori che sono emersi dai test massivi che solo una beta può dare.

Sono stati rilasciati una serie di comnunicati stampa da parte di Marek Tyminski, CEO di CI Game, spiegando i motivi del rinvio.
La trama del gioco è molto leggera, questo è quanto emerge dalle persone che hanno provato la beta.

sniperghostwarrior3_Ritardo-933x445

Le missione rispecchiano molto la realtà e su come un incursione viene gestita e creata, passando dal briefing alla safe house, raccolta dell’equipaggiamento e via nel cuore della missione. La mappa è immensa e questo porta il giocatore ad avventurarsi e cercare dei punti dove posizionarsi per poi colpire dalla lunga distanza, la realistica di gioco sembra buona, un numero di munizioni limitate e una simulazione del arma veramente ben fatta (praticamente si sbaglia facilmente se il colpo non viene sparato con accuratezza). Problemi per quanto ruguarda il realismo dei nemici (quindi la AI), ma su questo punto il team sta lavorando per migliorare la realistica dei nemici.

id447375

La mappa di Sniper: Ghost Warrior 3 è l’anima stessa del gioco, e considerando che per CI Game si tratta della prima esperienza di open word, il risultato visto e i feedback ricevuti dai vari player, ci porta a pensare che questo sarà un titolo da provare.

Dark Souls III – The Ringed City

Dark Souls III The Ringed City è il nuovo capitolo della serie, da quanto emerge dalle varie dichiarazione e in particolare quella di Hidetaka Miyazaki, Dark Souls III – The Ringed City è l’ultimo DLC, e non dell’anno o dei prossimi periodi, ma proprio l’ultimo, l’atto finale di una serie che ha appassionato milioni di player che ha reso il gioco il metro di paragone per i titoli del genere roguelike, l’aspettativa dei player è enorme e la FromSoftware non ha nessuna intenzione di deluderli.
In questa nuova avventura, i giocatori dovranno inseguire il cavaliere schiavo Gael fino alla vera e propria fine del mondo nella sua ricerca dell’Anima Oscura dell’Umanità.

Si dovranno controllare un gruppo di leggendari guerrieri che scontro dopo scontro dovranno combattere contro creature sempre più pericolose sbloccando incantesimi e abilità sempre più efficaci. La morte, come da tradizione per il genere, è una parte fondante dell’esperienza di gioco. La creazione degli ambienti e di un reame immenso, tutto da scoprire attimo dopo attimo.

Il reame è stato creato come un insieme di mondi che richiamano tutte le precedenti versioni del gioco, la logica e la struttura del gioco, a mio avviso, è spettacolare. Si rimane incantati a guardare gli scenari e le battaglie e tutti i dialoghi del gioco, il tutto per arrivare a risolvere tutti gli enigmi del gioco e arrivare a completare un esperienza di gioco che metterà fine a un epoca.

Ringed City Tower

Una delle novità di The Ringed City è che si salta spesso nel vuoto, e da molto in alto, senza farsi nulla. Difficile dire se quello della discesa sia il tema portante dell’intera espansione, ma se vi sembra di trovarvi in un vicolo cieco, e sotto di voi vedete un piano d’appoggio, buttatevi giù senza paura, e con la certezza di non subire danni. Nel gioco troviamo anche cavalieri armati di una spada incandescente e di uno scudo sputafiamme, o di quel “Boss” cone le sembianze di un pipistrello demoniaco.

dark-souls-iii-the-ringed-city-gamesoul

Altro da dire, sostanzialmente, non c’è. Ok, non vi ho detto che le situazioni che proporrà questa espansione la rendono consigliabile a chi abbia già superato il castello di Lothric. E poi che ci saranno nuove armi, nuovi scudi e nuove armature; nuove magie, nuovi anelli; nuovi boss e nuovi NPC. E anche una nuova mappa per l’arena PvP. Ma questo forse lo immaginavate già.

The Ringed City sarà disponibile per il download su PlayStation 4, Xbox One e PC su STEAM a partire dal 28 marzo 2017.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi