Category Archives: playstation 4

Far Cry 5 – Il DLC Hours of Darkness arriva a giugno

Ubisoft ha annunciato che dal 5 giugno sarà disponibile il primo DLC di Far Cry 5, Hours of Darkness. Il contenuto aggiuntivo include una nuova storia ambientata nella Guerra del Vietnam. Nel DLC vestiremo i panni di Wendell “Red” Redler dalla campagna del gioco principale e avremo l’incarico di salvare i nostri commilitoni dalle forze ostili, i Viet Cong e l’esercito nord vietnamita. Hours of Darkness potrà essere giocato in solitaria o in cooperativa, comprenderà nuovo equipaggiamento e abilità, e potrà essere giocata in due modalità: Survivor, con munizioni e armi limitate, e Action Movie.



Sarà possibile giocarlo acquistandolo in formato standalone o come parte del season pass, e quest’ultimo è incluso a sua volta anche nella Gold Edition del titolo Ubisoft.

F1 2018 – Charles leclerc ci porta a Monaco

Codemasters ha pubblicato oggi il primo video di gameplay di F1 2018, con Charles Leclerc del team Alfa Romeo Sauber F1 che fa un giro nella sua pista di casa, l’iconico Circuito di Monaco, in vista della gara di questo fine settimana. Dandoci un assaggio della grafica migliorata di F1 2018 il trailer ci fa fare un giro di Monaco con il voice-over del pilota ventenne di Monégasque Sauber, un appassionato giocatore che recentemente è stato filmato mentre giocava al nuovo titolo a Baku, Azerbaijan. Parlando di F1 2018, Charles ha dichiarato: “Adoro giocare al gioco di F1! Non appena esco dall’auto, mi manca la corsa. Quindi, quando torno a casa, gioco per divertimento. Questo è il massimo che posso ottenere per guidare una macchina di Formula 1 fuori dalla pista, quindi è sempre molto divertente giocare ” Riguardo la creazione di Monaco in F1 2018 Charles ha aggiunto: “Prima di tutto, sono rimasto sorpreso da quanto fosse realistico lo scenario. Essendo nato a Monaco, conosco molto bene il circuito. Un tracciato ben fatto nel gioco. La mia parte preferita è l’ultimo settore perché c’è un ottimo ritmo per il pilota.”



Parlando della nuova grafica svelata oggi nel nuovo video di Monaco, Stuart Campbell, il nuovo Art Director di F1 2018 ha affermato, “Uno dei più grandi miglioramenti visivi per F1 2018 sono i nostri sistemi atmosferici di illuminazione del cielo e delle nuvole completamente rivisti. Questi sistemi funzionano in sintonia e influenzano tutti gli aspetti del rendering del gioco, rendendolo più credibile che mai. La nostra nuova tecnologia cloud rappresenta in modo più accurato il mondo reale con formazioni di nuvole migliorate, oltre a risposte alla luce attraverso i vari scenari meteorologici che sono una parte fondamentale in F1. Anche in una giornata limpida, il cielo sembra interessante con dettagli di nuvole di alta qualità, il nuovo sistema atmosferico dà un vero senso di profondità e collega il cielo al terreno in un modo più coeso, creando panorami mozzafiato.”

Uno dei numerosi miglioramenti chiave al sistema di fisica dell’automobile, viene rivelato brevemente nel filmato di Monaco. Lee Mather, Game Director dei titoli F1, ha spiegato: “L’inclusione di un Energy Recovery System (ERS) gestito dal giocatore è stato aggiunto alla fisica del veicolo per F1 2018 poiché ci sforziamo sempre di fornire la più autentica ricreazione possibile dello sport. Aumentando il potente motore a combustione interna, il giocatore avrà diverse modalità di schieramento tra cui scegliere. L’inclusione dell’ERS non solo darà al giocatore un’esperienza di Formula 1 ancora più autentica, ma servirà anche a creare gare ancora più varie ed emozionanti”.

Quest’anno, oltre a un forte miglioramente visivo e all’inclusione dell’ERS gestito dai giocatori; F1 2018 vanta una serie di altre nuove funzionalità e miglioramenti. Ci sono più auto classiche da guidare per il giocatore e la modalità Carriera è stata ampliata per immergere ulteriormente il giocatore nel mondo della Formula 1. F1 2018 includerà tutti i piloti, le squadre e i circuiti ufficiali della stagione del 2018. Quest’anno vede il ritorno del French Grand Prix per la prima volta dal 2008, sul Circuit Paul Ricard, e anche il ritorno del German Grand Prix all’Hockenheimring. F1 2018 sarà disponibile su PlayStation 4, Xbox One e PC in tutto il mondo Venerdì 24 Agosto 2018.

Ghost of Tsushima: Sucker Punch – Si prepara per l’E3 2018

Sucker Punch è lo studio responsabile di alcuni dei giochi più amati per PlayStation e una nuova immagine teaser suggerisce che potremmo vedere presto qualcosa in più del loro prossimo progetto, Ghost of Tsushima. Sappiamo già grazie a Sony che possiamo aspettarci il gioco presente all’E3 di quest’anno in un modo o nell’altro, mentre l’anno scorso abbiamo visto solo un breve teaser in-engine. Ora, come segnala Gamingbolt, una nuova immagine comparsa sull’account Twitter di uno dei registi di animazione di Sucker Punch, rende chiaro come il team si stia preparando a mostrare presto Ghost of Tsushima. Il post non riporta molte informazioni, se non la conferma che il titolo sarà protagonista all’evento di Los Angeles, insieme ad altre grandi esclusive come The Last of Us Part 2, Spider-Man e Death Stranding.



Fortnite – Come guadagnare un livello gratis

Anche questa settimana è possibile ottenere un livello extra del Pass della Battaglia di Fortnite: Battaglia Reale grazie alla sfida Spaccatutto #4. Prima di fare ciò, tuttavia, dovrete completare tutte le sfide della Settimana 4 della Stagione 4! Ecco quali sono:

  1. Infliggi danni agli avversari con i Fucili d’Assalto (0/1000)
  2. Cerca dei forzieri nel Bosco Blaterante (0/7)
  3. Cerca 7 Scatole di Munizioni in una singola partita
  4. Visita il centro di cerchi della Tempesta diversi in una partita (0/3)
  5. Cerca tra una Panca, un Camion dei gelati e un Elicottero (0/1) – difficile
  6. Eliminazioni con Trappole (0/1) – difficile
  7. Elimina nemici nelle Spiagge Snob (0/7) – difficile

Una volta portate a termine, vi comparirà una schermata di caricamento nuova di zecca, che potete ammirare in alto. L’immagine ritrae chiaramente il covo di Omega e, se prestate attenzione, noterete la presenza di una Stella della Battaglia dietro uno degli stendardi.

Non dovrete far altro che dirigervi nel suo covo, che si trova a est delle Spiagge Snob, e raccoglierla! In calce alla notizia trovate una mappa che indica il luogo esatto, alla quale abbiamo allegato uno screenshot fornito dall’utente di Reddit VintageCacti, così non avrete alcuna difficoltà a rintracciare la sua posizione. Tutto molto semplice… peccato che prima di arrivare a questo punto dovrete prima completare tutte le altre sfide! Buona fortuna!

Battlefield V – La storia e il Trailer

Londra – La guerra è finita. Call of Duty: Black Ops 4 e Battlefield, dopo quasi un decennio passato a marcarsi a uomo, hanno deciso di intraprendere due strade diverse. Activision ha scelto di abbandonare la strada del single player, attratta dal successo di Fortnite e inseguendo le sue ambizioni e-sportive. EA, dal canto suo, ha scelto di proseguire su di una formula più classica ma non per questo meno interessante. Il nuovo Battlefield V, infatti, non rinuncia alla sua natura ma punta ad evolvere e perfezionare quanto di buono fatto in questi anni, provando ad offrire un’esperienza in grado di sfumare i confini che dividono il comparto multigiocatore da quello single player. Il fil rouge sarà rappresentato da una struttura narrativa che punta ad avvolgere ogni contenuto, pensata per portare il giocatore in giro per il mondo a scoprire le principali battaglie e le località che hanno contraddistinto la Seconda Guerra Mondiale. War Tides, questo il nome dell’ambizioso progetto alla base di Battlefield V, sarà l’evoluzione del concetto di ‘supporto post-lancio’ e consentirà a coloro che hanno acquistato il gioco di ottenere tutti i contenuti previsti. Nessuno escluso. Quindi basta Premium Pass e basta DLC: acquistando Battlefield V otterremo tutte le mappe, le modalità e le armi che DICE ha intenzione di sviluppare da qui al termine del ciclo vitale di questo quinto capitolo. A garantire una sostenibilità economica del progetto arriveranno tutta una serie di microtransazioni pensate per non incidere in alcun modo sul bilanciamento del gameplay. Ancora mancano i dettagli ma DICE assicura che si tratterà semplicemente di opzioni cosmetiche che andranno ad abbellire il nostro soldato, senza dargli alcun vantaggio sul campo di battaglia.


War Tides sarà diviso in stagioni, ognuna della quali introdurrà un nuovo scenario caratterizzato da eventi a tempo, armi, veicoli e talvolta persino una nuova Storia di Guerra o una missione cooperativa. L’obiettivo di DICE è pensare ad uno scenario che abbia una riconoscibilità stilistica e una valenza storica, e costruire esperienze di gioco che si adattino ad esso.

La struttura frammentata delle Storie di Guerra di Battlefield 1, in questo modo, tornerà praticamente immutata in Battlefield V e talvolta fungerà da vettore per introdurre il nuovo scenario o le nuove attività online. Questa struttura consentirà a DICE di creare dei racconti brevi ma intensi, che parleranno di normali persone che cercheranno di sopravvivere alla guerra, non di salvare il mondo. La prima Storia di Guerra, per esempio, sarà ambientata in un piccolo paese della Norvegia e parlerà del tentativo di una ragazza di salvare la propria famiglia.

La struttura così frammentata si sposa a meraviglia con le intenzioni di DICE, che vuole cercare di dilazionare i nuovi contenuti nel tempo, così da tenere incollati i giocatori con un afflusso costante di mappe, storie e armi che, una volta scesi dal palcoscenico delle War Tides, dovrebbero poi entrare a far parte stabilmente dei contenuti del gioco. L’obiettivo è tenere sui server i giocatori, in modo che siano invogliati ad investire in personalizzazioni per i loro avatar gli oggetti. La tentazione di mostrare armi esclusive, skin pregiate o vestiti sfarzosi, infatti, dovrebbe aiutare DICE a mantenere profittevole il gioco anche sul lungo periodo.

Questo perché, per la prima volta, in Battlefield sarà possibile personalizzare il proprio soldato sia sotto il profilo dell’equipaggiamento, sia sotto l’aspetto squisitamente estetico. Potremo scegliere il sesso e la razza del nostro avatar, ma anche le pitture che coprono il suo volto, i vestiti, le scarpe e, ovviamente, la piastrina che indosserà. Opzioni similari sono disponibili anche per le armi e per i veicoli, che potranno essere personalizzati in modo da mostrare al mondo non solo la nostra personalità ma anche la nostra storia in Battlefield V, soprattutto quando sfoggeremo skin rare o vinte in specifiche attività a tempo.

Non saremo, però, in grado di personalizzare il nostro soldato solo dal punto di vista estetico: DICE ha infatti pensato ad un sistema piuttosto profondo per accompagnare la crescita e lo sviluppo del proprio personaggio. Si potranno sbloccare abilità e personalizzazione per la classe (ritornano i quattro archetipi standard di Battlefield), per le armi e per i veicoli. Infine c’è una sezione dedicata agli oggetti e ai contenuti a tempo.

Saremo liberi di spendere i punti guadagnati attraverso attività giornaliere e settimanali nella maniera preferita, anche in classi o veicoli differenti da quelli utilizzati per accumulare punti. Una scelta originale ma pensata per non costringerci a modificare l’atteggiamento sul campo di battaglia e per non rovinare l’esperienza degli altri giocatori compiendo azioni particolarmente avventate o stupide solo per sbloccare un’arma o un oggetto.

Basteranno, infatti, le novità introdotte da DICE nel gameplay a rivoluzionare il modo in cui approcciare il gioco. Oltre a tutta una serie di miglioramenti tecnici volti a perfezionare il feedback visuale di alcune azioni, come delle animazioni che mettono in contatto due soldati durante la cura o che fanno interagire i personaggi con l’ambiente circostante, saranno quattro le novità che cambieranno il modo di giocare: il sistema della salute, quello delle munizioni, la distruttibilità e la mobilità delle postazioni fisse.

Ma andiamo con ordine. La salute non si genererà più spontaneamente ma occorrerà affidarsi alle cure di un medico o di deposito di rifornimenti per ottenere un kit medico Inoltre questo non funzionerà in maniera automatica ma andrà applicato. Comunque non sarà possibile più possibile recuperare interamente la propria energia fino al successivo respawn.

In maniera similare, le munizioni saranno molto più razionate e diventeranno sempre meno ogni volta che torneremo in partita. Questi due elementi da una parte rinforzeranno il ruolo di medici e ingegneri, fondamentali per tenere in vita e rifornire i compagni, dall’altro modificheranno pesantemente il ritmo. Le classiche e frenetiche battaglie dei Battlefield dovranno necessariamente essere alternate a momenti nei quali fermarsi per rimpinguare le munizioni e ricaricare l’energia.

In questi frangenti il ruolo della squadra diventerà ancora più centrale ai fini della vittoria. I propri commilitoni, infatti, saranno il punto di rinascita naturale dopo una morte, oltre che gli unici in grado di resuscitare in qualunque momento. I medici hanno il vantaggio di poter curare chiunque e di farlo in maniera molto più veloce, ma all’interno di un team anche Assalti, Ricognitori e Ingegneri potranno soccorrere un compagno. Visto che il tempo impiegato per l’operazione sarà notevole, soprattutto nel bel mezzo della battaglia, DICE darà la possibilità di trascinare un compagno caduto verso un riparo così da curarlo con calma.

Per questo motivo ogni giocatore, a meno di chiederlo espressamente, sarà inserito all’interno di una squadra. In questo modo, oltre ai vantaggi appena descritti, potrà partecipare al punteggio di squadra. Grazie ad esso il leader del gruppo sarà in grado di sbloccare dei particolari potenziamenti in grado di avere un impatto sulla battaglia. Si andrà da un missile dal raggio devastante ad un particolare carro armato pensato appositamente per consentire a una squadra di cooperare al suo interno. Si tratta in altre parole di una sorta di ScoreStreak declinate al teamplay, ovvero di un ulteriore elemento che DICE ha pensato per allettare i giocatori a cooperare.

Grazie all’evoluzione del Frostbite Engine DICE ha migliorato sensibilmente la distruttibilità presente in Battlefield V. Nel nuovo capitolo i proiettili dal calibro più grande saranno in grado di perforare i muri, rendendo così le mitragliatrici montate sui carri armati utili anche contro i nemici annidati all’interno degli edifici. Inoltre le esplosioni non funzioneranno sempre nello stesso modo, ma saranno calcolate in base al loro effettivo impatto.

Un proiettile che si infrangerà su di un muro lo farà collassare verso l’interno ma, se questo passerà da una finestra, farà schizzare i cocci in tutte le direzioni. Una volta abbattuto, però, un edificio non esaurirà la sua utilità. Sarà possibile, infatti, utilizzare le sue fondamenta per costruire nuove strutture difensive come trincee, mitragliatrici e ‘panettoni’ per rallentare i carri armati. Anche in questo caso tutti potranno eseguire questo genere di operazioni, con l’ingegnere che avrà un netto bonus nella velocità di costruzione.

Ancora non sappiamo come DICE ha intenzione di gestire le risorse necessarie alla costruzione di questi nuovi elementi, ma il loro impatto sul gameplay sarà notevole, dato che aggiungerà un livello di programmazione tattica del territorio, adattando la mappa alle esigenze del momento.

L’ultima grande novità è la possibilità di spostare le postazioni fisse presenti nella mappa, come gli obici dell’artiglieria o la contraerea. Questo da un lato dovrebbe impedire all’aviazione di avere zone sicure nella quali agire perché al riparo dal fuoco nemico e dall’altra aprirà a folli combinazioni, come cannoni attaccati a carri armati. Ovvero soluzioni che potrebbero dare vita a una potenza di fuoco notevole, con la quale fortificare determinate posizioni.

Grazie a queste novità il gameplay sandbox di Battlefield dovrebbe aggiungere un nuovo strato di profondità, rendendo ogni battaglia davvero unica. In questo modo DICE si è ricavata un modo per dare un nuovo sapore a modalità classiche come Conquista, Team Deathmatch e Domination, ma soprattutto ha dato una nuova scala alle operazioni, qui chiamate Grand Operations.

Il sistema è quello già visto in azione in Battlefield 1: si tratta di una serie di battaglie la cui evoluzione dipende dal risultato del confronto precedente. Le differenze rispetto al passato sono prevalentemente due. La prima è geografica: in Grand Operations anche le mappe si modificheranno e si evolveranno in base ai risultati della battaglia. Non si tratterà più di un semplice avanzamento o di un arretramento lungo lo stesso fronte, ma si potrà rimanere in un luogo nel quale saranno visibili le conseguenze della battaglia precedente.

La seconda è strutturale: le Grand Operations saranno divise in quattro giorni, ognuno caratterizzato da uno stile e un gameplay differenti. L’esempio che ci è stato fatto è quello della battaglia di Rotterdam: il primo giorno gli attaccanti dovranno lanciarsi da un aereo per cercare di distruggere le postazioni antiaeree nemiche. Più la resistenza sarà efficace e più i difensori bruceranno ticket per il rientro il giorno successivo. Anche il numero di veicoli disponibili per gli attaccanti dipenderà dalle postazioni distrutte. Il terzo giorno la mappa sarà completamente devastata.

Gli attaccanti dovranno sfruttare i ticket rimasti per piegare la resistenza nemica, mentre i difensori dovranno cercare di consumare i loro rientri prima del termine della partita, che potrà essere una Corsa, una Conquista o altro. La modalità di ingaggio, infatti, sarà scelta casualmente tra quelle disponibili e non sarà più predefinita come in passato.

In molti casi le sorti della battaglia saranno decise in questa giornata ma nelle battaglie più equilibrate si arriverà al quarto giorno di scontri. In questo caso, come conseguenza di un conflitto lungo, logorante e brutale, i giocatori scenderanno in battaglia con un unico caricatore delle munizioni e un’unica vita.

La vittoria sarà quindi determinata dalla capacità di sfruttare i vantaggi dati dall’appartenenza ad una squadra, dato che solo stando vicino ai propri compagni si avranno le migliori chance per rimanere in vita e rimpinguare le scorte di munizioni. Un epilogo epico dopo circa un’ora di battaglia, deciso più dalla capacità di sopravvivere che dalle abilità con le armi da fuoco.

L’ultima componente di questo pacchetto è Combined Arms. Si tratta di una serie di missioni pensate per essere giocate in cooperativa e disegnate per fare da ponte tra l’esperienza single player e quella multiplayer di Battlefield V. DICE l’ha definita come “un porto sicuro per i giocatori intimoriti dalla struttura sandbox e competitiva del multiplayer”. In questo contesto, infatti, tutti potranno provare le sperimentare i vari aspetti del gioco, imparando le meccaniche che governano ogni modalità senza l’urgenza derivata dal dover competere contro altri giocatori. Per mantenere sempre fresca l’offerta, alcuni elementi di Combined Arms saranno casuali. Le condizioni atmosferiche, gli obiettivi e le dinamiche di gioco saranno mescolati dal generatore di missioni, offrendo di volta in volta un’esperienza diversa. Dal punto di vista tecnico è ancora presto per dare un giudizio definitivo su Battlefield V. DICE ci ha consentito di dare solo una veloce occhiata al gioco in azione ma quello che abbiamo visto ci ha impressionato per cura nei dettagli e qualità artistica. I nuovi elementi di distruttibilità dei livelli, le nuova animazioni contestuali e le personalizzazioni sono tutti elementi apparentemente minori, ma che incidono sui calcoli che console e PC dovranno eseguire. Quello che sappiamo è che Xbox One X avrà un trattamento privilegiato, volto a sfruttare la sua potenza.

Infine manca solo una cosa da dire, ossia quando Battlefield V arriverà nei negozi: ufficialmente lo shooter di DICE sarà disponibile a partire dal 19 ottobre, con la possibilità di anticipare di tre giorni la data acquistando la Deluxe Edition. Gli abbonati di Origin potranno invece giocare le prime 10 ore a partire dall’11 ottobre. Tra poche settimane, durante l’EA Play di Los Angeles, scopriremo nel dettaglio nuove informazioni su questo atteso ritorno, che non mancheremo di raccontarvi.

Battlefield V – Annunciata la modalità Grand Operations

Durante il reveal di Battlefield V, DICE ha annunciato le modalità di gioco presenti in questo nuovo capitolo, che ricordiamo sarà ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale. Iniziamo parlando delle Operations, ora diventate Grand Operations in cui i giocatori si affronteranno in varie modalità di gioco attraverso svariate mappe. Queste Operations vengono divise in giorni, potreste dunque ingaggiare il nemico in modalità Conquest Assault e successivamente durante il quarto giorno trovarvi a cercare di sopravvivere in uno scontro all’ultimo sangue con penuria di rifornimenti e attrezzatura in caso lo scontro si faccia per le lunghe.


Come riporta Gamingbolt altri annunci riguardano il maggiore spazio dato alla modalità Conquest e il ritorno della modalità cooperativa con Combined Arms, cooperativa per cinque giocatori, che proporrà missioni procedurali e nuovi obiettivi a cadenza regolare. Per quanto riguarda le War Stories esse vi faranno rivivere i momenti meno famosi del secondo conflitto mondiale come il Bombardamento di Rotterdam. DICE ha inoltre mostrato un artwork di una combattente della resistenza norvegese, molto probabilmente la protagonista di una delle missioni.

Call of Duty: Black Ops 4 – Preordini da record

Nella giornata di oggi Acrivision ha annunciato a sorpresa che il numero preordini di Call of Duty: Black Ops 4 hanno superato quelli di Call of Duty WW2. Questo è senza dubbio un fulmine a ciel sereno, in effetti quando è stato annunciato WW2 molti fan rimasero entusiasti di fronte a quel “ritorno alle origini” richiesto da anni. Dall’altra parte Black Ops 4 ha diviso la maggior parte della community, specialmente riguardo alla controversa questione della campagna per giocatore singolo. Come riporta Gamingbolt, Rob Kostich ( EVP e GM di Call of Duty) ha così commentato:


Il reveal di Call of Duty Balck Ops 4 è rapidamente diventato il trend numero 1 su Twitter e ha superato il record del trailer più guardato nella storia del nostro franchise, tramite la community abbiamo appreso che è questo reveal è stato visto 80 milioni di volte.”

Gravel – Disponibile il nuovo DLC Armored Operation

Una selezione di veicoli militari, adattati a gareggiare e completi di armi, si uniscono oggi al roster di Gravel. Un nuovo episodio di Off-road Master è stato creato per questi veicoli originali e molto spettacolari, e ve lo mostriamo nel trailer del gioco in basso. Il DLC “Armored Operation”, incluso nel Season Pass senza alcun costo aggiuntivo, è ora disponibile all’acquisto per Playstation 4, Xbox One e Steam.


Cod: black ops 4 – Si pre-annuncia il reveal più seguito nella storia della serie

Il reveal di Call of Duty: Black Ops 4 avvenuto la scorsa settimana ha letteralmente stupito i fan, a causa delle tante novità annunciate. A quanto pare, non si è limitato solo a questo, dal momento che ha anche battuto tutti i record della serie. Robert Kostich, executive vice president e general manager di Call of Duty, ha dichiarato che il reveal è stato l’evento più seguito in assoluto nella storia del franchise: “Il reveal di Black Ops 4 è diventato il trend numero uno a livello globale su Twitter, e ha infranto il record del franchise diventando l’evento più seguito in assoluto nella nostra storia. I contenuti del reveal sono già stati visti più di 80 milioni di volte. I preordini iniziali, inoltre, sono superiori a quelli dell’anno scorso”.


La risposta del pubblico, quindi, è stata incredibilmente positiva. Call of Duty: Black Ops 4 rappresenterà una vero e proprio punto di rottura per la saga. Farà a meno, per la prima volta, della campagna single player, includerà ben 3 mappe zombie al lancio e soprattutto proporrà un’inedita (per la serie) modalità battle royale chiamata Blackout. Secondo alcune voci, inoltre, non riceverà alcun season pass e le mappe multigiocatore verranno pubblicate in maniera gratuita.


Vi ricordiamo che Call of Duty: Black Ops 4 verrà pubblicato su PlayStation 4, Xbox One e PC il prossimo 12 ottobre.

Dark Souls:Remastered – Ecco il trailer di lancio

Bandai Namco e From Software hanno pubblicato il trailer di lancio di Dark Souls: Remastered, edizione rimasterizzata del gioco originariamente pubblicato su PlayStation 3 e Xbox 360 nel 2011. Con Dark Souls: Remastered, potrai immergerti in un epico universo fantasy e oscuro, colpito dal declino e dalla maledizione. Esplora questo mondo intricato pieno di passaggi nascosti, dungeon e segreti! Preparati a tornare a Lordran con una straordinaria grafica a 60 fps. Dark Souls: Remastered include il gioco principale oltre al DLC Artorias of the Abyss per offrire un’esperienza davvero completa. Dark Souls: Remastered sarà disponibile a partire da domani in formato retail per PlayStation 4 e Xbox One.



La versione PC e le edizioni digitali per PlayStation 4 e Xbox One dal 25 maggio, mentre la conversione per Nintendo Switch è attesa nel corso dell’estate.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi